COMUNICARE ENERGIA - IL MAGAZINE DIGITALE E INTERATTIVO PER LE NUOVE ENERGIE E IL RISPARMIO ENERGETICO

Prime positive considerazioni circa la proroga delle detrazioni fiscali per Ecobonus

 

Strategico per il settore delle costruzioni il DL che proroga fino a dicembre 2013 la detrazione del 65% per la riqualificazione energetica e quella del 50% per le ristrutturazioni edilizie strategico per il settore delle costruzioni

 

 

Finco (Federazione delle Industrie dei Prodotti, Impianti , Servizi ed Opere Specialistiche per le Costruzioni) accoglie con estremo favore l’ approvazione in Consiglio dei Ministri del DL che proroga sino a fine anno (ed oltre, in caso di interventi più sostanziosi e “condominiali”) le detrazioni per la riqualificazione energetica portandole dal 55 al 65% nonché quelle del 50% per le ristrutturazioni edilizie, utilizzabili anche per gli adeguamenti sismici.

Si tratta di una scelta concreta e importantissima del nuovo Governo che interessa molti dei comparti industriali rappresentati dalla Federazione.

In un Paese povero di risorse del sottosuolo come l’Italia i nostri giacimenti ("il nostro petrolio”) sono costituiti dall’efficienza energetica e dall’enorme possibilità di risparmio (con il conseguente abbattimento delle bollette dei consumatori e dello Stato) che possiamo ottenere agendo sul patrimonio immobiliare, nonché sulla sua messa in sicurezza.

Accolti quindi gli auspici di Finco di differenziare le percentuali di detrazione attribuendo ulteriore premialità alla riqualificazione energetica e inserendo [continua] gli aspetti antisismici. La stessa nota ufficiale del Governo parla infatti di " impulso per l'edilizia specializzata".

Tre sono ora gli aspetti che vanno ripresi ed implementati in sede di conversione del provvedimento :

- che le agevolazioni per l'efficienza energetica siano protratte almeno sino a tutto il 2015, visto che il Governo ne esclude la stabilizzazione . Sei mesi, o anche un anno, sono un lasso di tempo spesso troppo ristretto per poter programmare e mettere in cantiere interventi complessi come quelli antisismici o relativi al pieno edificio. Si potrebbe, alla prossima scadenza, tornare a percentuali più basse del 65% , magari modulandone il tenore in relazione alle annualita' di "ammortamento" ( ad esempio trecinque anni per piccoli interventi e per chi sceglie il 55% , dieci per chi sceglie il 65%);

- che tali agevolazioni vengano estese alle schermature solari, previste nella Direttiva Comunitaria e sinora inspiegabilmente escluse vista l'incidenza sui consumi del periodo estivo , nonchè alle opere di verde pensile a parete o tetto;

- che venga presa in considerazione - per gli interventi antisismici e di manutenzione in sicurezza - l'ipotesi di portarne la detraibilità al 65% , onde differenziarla da quanto in effetti già previsto ed equipararla a quella riservata alla riqualificazione energetica.


Finco continuerà a fornire la massima collaborazione in termini di contributi e di esperienze operative onde rendere ancora più proficua questa importante misura di politica industriale atta a stimolare l’attività, l'occupazione e l'innovazione tecnologica della filiera italiana dell'edilizia specializzata e delle opere e componenti specialistiche.

 

Riceverai gratuitamente sul tuo computer l’ultimo numero di Comunicare Energia